Z – Nikon e la battaglia mirrorless

Dall’altra parte del mondo, qualche ora fa, Kazuo Ushida toglie i veli sugli ultimi gioielli di casa Nikon.

I tempi del dominio del mercato da parte dei colossi come Canon o Nikon sembrano ormai lontani.

I grandi del Digital Entertainment come Sony hanno dimostrato ancora una volta come siano capaci di penetrare e dominare un mercato che sembrava apparentemente saturo : quello DSLR.

Il mondo delle fotocamere mirrorless affascina il sogno di ogni fotografo amatore o professionista : avere una fotocamera leggera, discreta, compatta ma con prestazioni top.

Nikon propone finalmente due mirrorless, candidabili sostitute ai top di gamma reflex :

Nikon Z7 e Nikon Z6

Il paragone con D850 e D750 è inevitabile, le nuove mirrorless sono infatti equipaggiate con sensore FX per dirla in nikoniano (fullframe).

Quasi imbarazzante come la nuova Z7 assomigli alla Sony A9.

Queste nuove “api” giallonere sembrano quasi mimare il fastidioso ronzio proprio con la pronuncia della lettera: “Z”eee

Sarà stata una scelta casuale?

Dalla stabilizzazione a 5 assi ai nuovi formati di schede ultraveloci ci aspettiamo il meglio come sempre da tradizione Nikon.

Vediamo in questo Hands-on molto dettagliato cosa ne pensano gli amici di DPReview !

Daniele Musso

 

Robert Capa Retrospective. Guerra e Pace in mostra a Palermo.

Robert Capa Retrospective
Palermo (PA). Real Albergo dei poveri.
Corso Calatafimi 257
https://www.mostrarobertcapa.it/
Fino al 23 settembre 2018

FRANCIA. Golfe-Juan. Agosto 1948. Pablo Picasso con Françoise Gilot e suo nipote Javier Vilato, sulla spiaggia.

“Se le tue foto non sono buone, vuol dire che non eri abbastanza vicino”.
Celebre frase di Robert Capa, pseudonimo di Endre Ernő Friedmann (Budapest, 22 ottobre 1913-Thai Binh, Indocina, 25 maggio 1954) , che fu il primo ed il più famoso fotografo di guerra.
Documentò cinque diversi conflitti : la guerra civile spagnola (1936-1939), la seconda guerra sino-giapponese (che seguì nel 1938), la seconda guerra mondiale (1941-1945), la guerra arabo-israeliana (1948) e la prima guerra d’Indocina (1954).
Nel 1947 assieme a Henri Cartier-Bresson, David Seymour, Georges Rodger e William Vandivert, Robert Capa fonda l’agenzia fotografica “Magnum Photos”.

L’esposizione di Palermo , inaugurata in occasione delle celebrazioni dei 70 anni dalla fondazione di Magnum Photos, racconta il percorso umano e artistico di Capa attraverso 107 fotografie in bianco e nero, raggruppate in 12 sezioni: Copenhagen 1932, Francia 1936-1939, Spagna 1936-1939, Cina 1938, Gran Bretagna e Nord Africa 1941 – 1943, Italia 1943 – 1944, Francia 1944, Germania 1945, Europa orientale 1947, Israele 1948-1950, Indocina 1954. La mostra si conclude con una sezione dedicata ai ritratti di amici e artisti e comprende una sezione speciale dedicata alle fotografie scattate da Capa in Sicilia dove era giunto nel luglio del 1943.

Giuseppe Di Gregorio

SPAGNA. Fronte di Córdoba. Inizio settembre 1936. Morte di un miliziano lealista.

Attraverso la Via Lattea con nuovi e vecchi amici

11 Agosto. Luna Nuova, Riserva naturale del Plemmirio.
Il Faro di Capo Murro di Porco l’unica luce nel buio profondo della sera.
Quale migliore occasione per provare nuove esperienze fotografiche?

Il meteo è con noi, il cielo si sgombra e possiamo aprire le danze con un veloce aperitivo per conoscerci, e poi..all’opera! 😉

Durante il Workshop di livello base > Milky Way + Light Painting < abbiamo lavorato insieme, sotto la guida di Daniele ed Elena, per cercare a Sud i bagliori della Via Lattea con il Faro come magica quinta!
Ma la serata non si è conclusa qui! Abbiamo sperimentato gli effetti di luce in movimento e lunghe esposizioni disegnando sui fotogrammi con la tecnica del Light Painting e con la coreografica Steel Wool Photography!

Un’esperienza che a noi del Team ImagoZero è piaciuta moltissimo!
Ringraziando tutti i partecipanti che hanno voluto seguirci, Vi e ci diamo appuntamento alle prossime iniziative! Stay Tuned!! 🙂