Un finale memorabile: la grande serata della mostra “CON NUOVI OCCHI”

Tutte le cose belle, purtroppo, hanno una fine. Ed a questo, ancor più nostro malgrado, non fa eccezione il Corso Base di Fotografia 2019 dell’Associazione ImagoZero di Catania.

Tuttavia, se un finale andava scritto, di sicuro era quello che vi racconteremo.

Domenica 26 Maggio 2019, infatti, si è tenuta la mostra conclusiva dei partecipanti al corso, la Collettiva Fotografica CON NUOVI OCCHI.

Un finale degno di nota

Chi, domenica scorsa, si è trovato al Museo Diocesano di Catania per partecipare al vernissage dell’esposizione non è certamente rimasto deluso.

Sono stati ben 35 gli autori che hanno esposto le proprie opere, complessivamente 70 immagini in cornice.

Fotografie che hanno spaziato in vari generi: ottimi esempi di ritrattistica, foto di splendidi paesaggi (da territori tipicamente siculi a zone decisamente più esotiche) e varie stoccate degne della migliore Street Photography, sia in bianco e nero che a colori.

Potete scoprire a questo link tutti i nomi di chi ha esposto e le altre loro opere (oltre quelle viste alla mostra) navigando sui loro profili Social.

Una sentita partecipazione

Il vernissage ha vissuto davvero una grande partecipazione: non solo (giustamente) amici e parenti di corsisti e membri dello staff, ma anche graditi ospiti del mondo fotografico catanese. Erano presenti infatti il fotogiornalista Fabrizio Villa, la fotografa di matrimoni “alternativi” Valentina Di Mauro (ospite di eccezione di un memorabile ImagoTalk) e l’Associazione Fotografica Renarossa.

Una grande partecipazione che senz’altro denota il valore estetico e simbolico delle immagini proposte e senza dubbio accentua il valore del lavoro che è stato fatto dall’inizio di questo corso fino alla sua conclusione.

Non sono mancate le emozioni

E lo staff di ImagoZero ha regalato momenti pieni di significato alla serata, che non è stata un mero teatro della mostra in sé.

E’ stata anche un’occasione per far conoscere le attività associative e ringraziare in modo adeguato chi ha attivamente partecipato a questi intensi mesi di assoluta carica creativa.

Alla platea i docenti del corso, nonché Direttivo dell’associazione, Daniele Musso e Stefania Stramondo, con la partecipazione della neo-mamma Elena La Spina (e lo special guest della piccola Annarosa) hanno dichiarato il proprio infinito amore alla fotografia.

Riversato senza un attimo di tregua in questi magnifici mesi percorsi in lungo e in largo tra lezioni, esercitazioni e indimenticabili momenti di svago che hanno cementificato rapporti e allargato gli orizzonti di tutti i partecipanti.

E per questo, tra qualche lacrimuccia, in un momento molto emozionante, sono stati ringraziati tutti gli organizzatori e chi ha partecipato, volontariamente e con sacrificio, a questi intensi mesi di attività, che qui ci limitiamo solamente ad elencare, come riportato nel post pubblicato sulla nostra pagina Social:

Sinceri ringraziamenti vanno ai partecipanti al corso che hanno contribuito all’organizzazione ed all’allestimento della mostra, in particolare a Mariarita Zappalà, per aver dato la possibilità di conoscere i corsisti attraverso il sito dell’Associazione; e ad Ugo Romeo per il contributo nel trovare la location. Gabriella Ricifari per l’organizzazione delle attività’ extra sede, le fotografie degli eventi, le relazioni con i non soci e per l’impegno quotidianamente profuso; Gianluca Santanocito ed Ornella Bo Santanocito per la gestione del set in luce ambiente durante l’esercitazione di fotografia di ritratto; i modelli Francesco Coco, Mery Gio Azzarello, Michela Montandon; Giulia Romano per l’assistenza logistica e per le emozionanti immagini dei momenti trascorsi insieme; Giuseppe Di Gregorio per il tutoraggio e la consulenza legale; Lucia Lucy Boncaldo per l’assistenza fiscale e per il supporto logistico; Riccardo Di Mauro per il supporto continuo nel suo ruolo di tutor; Roberto Bruno per i suggerimenti gestionali e per la pazienza; Roberto D’Amico, per l’ineguagliabile supporto che da anni offre per il corso base di fotografia, per le dirette streaming, per aver messo a disposizione la propria attrezzatura, per la guida flash; Riccardo Lombardo per la lezione di fotografia del paesaggio; Silvana Licciardello per la lezione di street photography e reportage; Simone Bellitto per aver partecipato attivamente all’attività associativa attraverso i suoi articoli.

A chi ha ospitato le attività del corso, con professionalità e generosità: Daniele Calcagno e Loredana Urzì di UC English; Federica e Tiziana Saglimbene di Feiana Business Center; Tony Carciotto, Presidente di Pro Loco Belpasso; Francesca Piana ed il THE EIGHT HORSES PUB.

Infine, ad ogni corsista è stato consegnato un attestato di partecipazione, regalando così meritatamente “il palco” per un attimo anche a chi ha fatto sì, a livello “materiale”, che questa mostra avesse luogo.

Non finisce qui!

Chi scrive l’articolo, emozionato anch’egli per aver fatto parte di questa meravigliosa avventura, non trovando conclusione più appropriata per quest’articolo vista la grande bellezza di quanto vissuto, in tutta sincerità preferisce affidare questo finale alle bellissime parole redatte dal Direttivo di ImagoZero nella presentazione dell’evento.

Parole che sinteticamente possono rendere al meglio il significato e l’importanza di ciò che è stato fatto.

“[…] alla fine di quasi cinque mesi di incontri, di lezioni, di uscite fotografiche, di lunghe camminate, dubbi risolti, voglia di imparare reciprocamente, aperitivi improvvisati, cene organizzate, nuovi amici e tanto ridere insieme […] abbiamo imparato ad osservare il mondo con nuovi occhi, a trasmettere, attraverso la fotocamera, le emozioni che percepiamo, abbiamo incontrato persone nuove accomunate dalla stessa passione per la Fotografia ed abbiamo imparato a conoscere meglio noi stessi e chi ci sta vicino.

[…] scatto dopo scatto scriviamo, con la luce, il nostro racconto.”

Un arrivederci alle prossime attività di ImagoZero: buona Estate fotografica a tutti!

Simone Bellitto

A Palermo con Ferdinando Scianna, Franco Zecchin e Letizia Battaglia

Il 7 Aprile 2019 è stata una di quelle classiche date che, per i corsisti, i soci e tutto lo staff di ImagoZero Catania, difficilmente potrà essere cancellata dalla memoria.

In un trittico che definire delle meraviglie sarebbe dire poco, l’allegra compagnia di insegnanti e di aspiranti fotografi hanno potuto apprezzare tre stupendi momenti per una giornata assolutamente indimenticabile.

Tre momenti vissuti nella suggestiva cornice di Palermo che, qui di seguito, vogliamo a grandi linee descrivere. Così da poter ipoteticamente comunicare ai lettori quali meraviglie hanno potuto guardare oggi i nostri increduli ed emozionati occhi.

La mostra di Ferdinando Scianna

Ad aprire le danze è stata la mostra dal titolo “Viaggio Racconto Memoria” dedicata ad uno dei fotografi più celebri ancora viventi, che tutto il mondo ci invidia: Ferdinando Scianna.

Il fotografo isolano – reporter di fama e noto membro della Magnum Photos – ci illustra con il suo eccezionale bianco e nero la propria concezione del medium fotografico: uno sguardo a 360° sul mondo che ci circonda.

Ed è questo viaggiare incessante il fulcro della sua opera: un viaggio che è più un iter della mente che fisico.

La mostra, infatti, è sapientemente divisa per vere e proprie mappe concettuali.

Si parte da un viaggio nella memoria, alla ricerca di un’isola che non c’è (più) come quella Sicilia perduta, quasi dimenticata in ricordi che hanno un gusto dolce-amaro. All’insegna di una melanconia per una tradizione che sta scomparendo, sommersa da un eterno presentismo.

Per poi passare verso altri mondi: come ne sono testimonianza i suoi viaggi negli Stati Uniti, metà da lui particolarmente gradite perché fornisce spicchi di realtà che tutti conosciamo, ma che non smettono mai di sorprenderci.

O il suo viaggio verso il “mondo offeso”, citando Vittorini: un viaggio nella sofferenza, nella fame e nei patimenti di luoghi e persone feriti da guerre, epidemie e migrazioni di massa.

Una via crucis nei meandri del dolore che attraversa nazioni come il Libano, l’India, l’Etiopia fino ad arrivare al dramma dei profughi albanesi negli anni ’90.

O ancora il suo rapporto di simbiosi con le ombre: uno strumento per Scianna indispensabile per scrivere con la luce. Ma anche per disegnare ed evidenziare concetti ed emozioni con la sua mano fotografica, diretto prolungamento della sua anima.

E, infine – ma tante altre sotto-trame non mancherebbero – il suo rapporto con gli altri artisti e con il mondo dello spettacolo, finemente narrato dalla bellezza dei suoi ritratti.

Si va dall’affresco “familiare” all’amico e compagno di mille viaggi, Leonardo Sciascia; agli scatti dedicati ad altri maestri della fotografia mondiale come Henri Cartier-Bresson e Jacques Henri Lartigue; per chiudere con l’incontro folgorante con la modella Marpessa, che verrà magistralmente incastonata come una gemma tra le gemme, tra le bellezze e le strade siciliane. All’insegna, in parole povere, di un concetto di “moda” scarno ed essenziale, totalmente privo di patina.

La mostra, in conclusione, è uno spettacolo visivo in cui è concentrata una parte significativa di un’attività prolifica, incessante e mai doma da decenni.

E dalla voce “in carne ed ossa” di Scianna siamo guidati dall’inizio alla fine. Le audio-guide sono come Virgilio e Beatrice per Dante: una voce che ci porta dai meandri dell’Inferno in Terra a mirar le “stelle”. Che queste stelle siano quelle dello spettacolo e non astri celesti, beh, poco importa.

La mostra “Viaggio Racconto Memoria” è esposta al GAM – Galleria d’arte Moderna “Empedocle-Restivo” di Palermo, fino al 28 luglio 2019.

La mostra di Franco Zecchin

Il secondo appuntamento di giornata, non meno emozionalmente intenso, si è svolto (come anche il terzo) al Centro Internazionale di Fotografia, dove la troupe dell’associazione ha avuto il piacere di vedere la mostra, dal titolo “Continente Sicilia” dedicata al fotografo Franco Zecchin.

Fotoreporter che della Sicilia ha fatto il suo vero e proprio “Teatro di guerra”.

Al centro dei suoi scatti, infatti, ci sono le persone che, nel bene o nel male, hanno segnato la storia recente della nostra Isola, bella e maledetta.

Fotografie che spesso “si macchiano” del sangue dei vincitori e dei vinti, a descrivere quel conflitto armato scatenato dalle Mafie senza lasciare nulla all’immaginazione: col coraggio e con la durezza di un pugno allo stomaco veniamo trascinati tra le scene degli omicidi “eccellenti” degli uomini di Stato e della “gente di rispetto”.

Intervallando questo bagaglio di orrori con scene di vita quotidiana, manifestazioni di protesta contro le basi missilistiche, feste paesane e angoli di ospedali psichiatrici. Il tutto in nome della pura e semplice verità.

Questa verità che si trova, si, annaspando tra i corpi senza vita e tra le macerie degli attentati dinamitardi: senza però dimenticare questi martiri come erano da vivi.

Perché il messaggio è chiaro: Giovanni Falcone, Paolo Borsellino, Rocco Chinnici e Cesare Terranova non sono dei santini da esibire quando serve.

La mostra “Continente Sicilia” di Franco Zecchin è visitabile fino al 16 Giugno all’interno dei locali del Centro Internazionale di Fotografia di Palermo.

L’incontro con Letizia Battaglia

Infine l’episodio conclusivo – ma di certo non meno importante della giornata – è stato dedicato all’incontro con la direttrice del Centro Internazionale di Fotografia, vale a dire la fotografa Letizia Battaglia.

Una donna che, dall’alto dei suoi 84 anni, ha le idee assolutamente chiare sul mondo della fotografia e sulla lezione da impartire ad amatori ed aspiranti professionisti, che gli attenti interlocutori hanno assorbito dalla prima all’ultima parola.

La fotografa ha parlato degli anni bui della Sicilia preda della morsa mafiosa, quando con estremo coraggio sfidò l’omertà della città, grazie all’esibizione pubblica delle immagini dei morti ammazzati per strada. Un atto di coraggio che non esiterebbe a rifare, se necessario, anche alla sua veneranda età.

Ha descritto anche le sue esperienze professionali: citando come uno dei suoi punti di riferimento il fotografo ceco Josef Koudelka.

Un artista che ha fatto della macchina fotografica il suo credo di vita, la sua missione: senza scendere mai a nessun compromesso con il mercato e con gli editori, rinnegando il profitto economico per la piena tutela della sua libertà espressiva.

E la Battaglia condivide questo spirito anticonformista: a tutela di una concezione dell’artista che possa essere premiato per i propri meriti, senza divenir mero pasto per i salotti borghesi dell’arte fine a sé stessa.

Infine, ha esortato i giovani amatori a tirare fuori dai propri scatti ciò che realmente si ha dentro: per una fotografia che scuota veramente, che riesca a sconfiggere definitivamente la cecità e l’anestesia visiva alle immagini delle quali siamo quotidianamente vittime.

Concludiamo rispondendo con entusiasmo a questa esortazione: ribadendo che l’associazione ImagoZero non potrà facilmente dimenticare questa giornata.

Così tanto piena e allo stesso tempo così tanto bella da essere volata via come il più fugace degli attimi.

Breve e intensa come il più riuscito degli scatti.

Simone Bellitto

Animals. Steve McCurry.

Steve McCurry
Milano. MUDEC – Museo Delle Culture.
via Tortona 56
mudec.it
Fino al 31 Marzo 2019

ANIMALS di Steve McCurry – foto di Gabriella Ricifari

Se vi trovate a Milano e riuscite a ritagliarvi due ore libere, vi consigliamo di andare al MUDEC PHOTO, il nuovo spazio espositivo del Museo delle culture, che dal 16 dicembre 2018 al 31 marzo 2019 ospita la mostra ANIMALS di Steve McCurry.

Il fil rouge che lega i 60 scatti di questa mostra è infatti l’indissolubile e reciproco rapporto che lega l’uomo e gli animali, analizzato sotto vari aspetti, da quelli più tragici come l’inquinamento e lo sfruttamento a quelli più poetici e ironici.

Questo progetto espositivo nasce nel 1992 quando McCurry documenta il disastroso impatto ambientale prodotto dalla Guerra del Golfo. In quella occasione il fotografo cattura alcune delle sue immagini più iconiche, come i cammelli che attraversano i pozzi petroliferi in fiamme e gli uccelli interamente cosparsi di petrolio. Questo lavoro gli varrà il prestigioso World Press Photo Award.

A queste immagini dure si alternano altre più soavi o ironiche , come quelle che ritraggono gli animali in posa con i loro padroni e che testimoniano l’affetto che l’uomo riversa sul suo “pet” qualunque esso sia (celebre ad esempio la foto del cane fashion tinto di rosa ad Hollywood o quella del serpente indossato a guisa di collana dal suo padrone in un supermercato americano)
“Io mi sono sempre occupato degli uomini e del loro comportamento” spiega McCurry nel corso della conferenza stampa, “ma mi sono accorto ad un certo punto della mia vita che molte delle fotografie che avevo scattato ritraevano animali e mi ha iniziato ad interessare che tipo di correlazione ci fosse tra loro e l’uomo”.

ANIMALS ci invita così a riflettere sul fatto che non siamo soli in questo mondo e che, sebbene esseri umani e animali condividano la medesima Terra, solo noi uomini abbiamo il potere necessario per difendere e salvare il pianeta.

Gabriella Ricifari

Alexander Rodchenko. Revolution in photography.

Alexander Rodchenko
Palermo (PA). Real Albergo dei poveri.
Corso Calatafimi 257
www.mostrarodchenko.it
Fino al 23 settembre 2018

Alexander Rodchenko. Production of a Truck, 1929.

“Se si desidera insegnare all’occhio umano a vedere in una nuova maniera, è necessario mostrargli gli oggetti quotidiani e familiari da prospettive ed angolazioni totalmente inediti e in situazioni inaspettate.”
È il “Metodo Rodchenko”.

Il padre della fotografia sovietica ha dato forma a uno stile e a un linguaggio visivo del tutto unici. Rodchenko gioca con composizioni in diagonale, prospettive scorciate, punti di ripresa insoliti dal basso verso l’alto e viceversa. Un dettaglio ingrandito racconta più di un personaggio, il particolare di un’architettura, narra una città in movimento.

La mostra, ospitata al Real Albergo dei Poveri di Palermo, nelle sale adiacenti agli spazi occupati dall’esposizione sul reporter Robert Capa, presenta una selezione di oltre 150 fotografie.

Giuseppe Di Gregorio

Alexander Rodchenko. Ragazza con Leica, 1934.

Robert Capa Retrospective. Guerra e Pace in mostra a Palermo.

Robert Capa Retrospective
Palermo (PA). Real Albergo dei poveri.
Corso Calatafimi 257
https://www.mostrarobertcapa.it/
Fino al 23 settembre 2018

FRANCIA. Golfe-Juan. Agosto 1948. Pablo Picasso con Françoise Gilot e suo nipote Javier Vilato, sulla spiaggia.

“Se le tue foto non sono buone, vuol dire che non eri abbastanza vicino”.
Celebre frase di Robert Capa, pseudonimo di Endre Ernő Friedmann (Budapest, 22 ottobre 1913-Thai Binh, Indocina, 25 maggio 1954) , che fu il primo ed il più famoso fotografo di guerra.
Documentò cinque diversi conflitti : la guerra civile spagnola (1936-1939), la seconda guerra sino-giapponese (che seguì nel 1938), la seconda guerra mondiale (1941-1945), la guerra arabo-israeliana (1948) e la prima guerra d’Indocina (1954).
Nel 1947 assieme a Henri Cartier-Bresson, David Seymour, Georges Rodger e William Vandivert, Robert Capa fonda l’agenzia fotografica “Magnum Photos”.

L’esposizione di Palermo , inaugurata in occasione delle celebrazioni dei 70 anni dalla fondazione di Magnum Photos, racconta il percorso umano e artistico di Capa attraverso 107 fotografie in bianco e nero, raggruppate in 12 sezioni: Copenhagen 1932, Francia 1936-1939, Spagna 1936-1939, Cina 1938, Gran Bretagna e Nord Africa 1941 – 1943, Italia 1943 – 1944, Francia 1944, Germania 1945, Europa orientale 1947, Israele 1948-1950, Indocina 1954. La mostra si conclude con una sezione dedicata ai ritratti di amici e artisti e comprende una sezione speciale dedicata alle fotografie scattate da Capa in Sicilia dove era giunto nel luglio del 1943.

Giuseppe Di Gregorio

SPAGNA. Fronte di Córdoba. Inizio settembre 1936. Morte di un miliziano lealista.